Monti incontra Pannella al settimo giorno di sciopero della fame e della sete

18 dicembre 2012 19:570 commentiDi:

Marco Pannella, uno degli ultimi “romantici” e “passionari” della politica italiana, continua lo sciopero della fame e della sete. Uno sciopero che sta mettendo a dura prova il suo fisico e i rischi per la sua salute aumentano. Pannella continua a protestare e ad attendere una risposta sulla questione della condizione delle carceri italiani e del sovraffollamento. Una battaglia di civiltà.

Il presidente del Consiglio Mario Monti ha visitato Marco Pannella in clinica dove è ricoverato, la casa di cura Santa Maria della Mercede. Lo sciopero è arrivato al settimo giorno e il leader radicale continua la sua battaglia. Monti ha affermato di avere trovato Marco pannella lucido e combattivo. Monti ha detto di avere parlato con Pannella della situazione delle carceri e di avere provato a farlo desistere da una protesta così rischiosa per la sua salute.


Sulle condizioni di salute di Marco Pannella non ci sono nuovi bollettini medici. Ieri dopo essere uscito dalla clinica è tornato la sera, con i medici che hanno affermato la necessità del ricovero per problemi alla funzionalità renale.

Oggi Pannella è intervenuto a Radio radicale, dove con voce tremante ha detto: “In questi momenti io posso solo andare avanti con il mio impegno, che è drammatico e non tragico”. Ha ringraziato Claudio Martelli e Debora Serracchiani per l’appoggio sia a parole sia con i fatti alla battaglia per i diritti dei carcerati.

Tra i politici gli appelli sono tanti. Si chiede di ascoltare Marco Pannella e la sua battaglia e si chiede allo stesso Pannella di interrompere uno sciopero che può diventare veramente rischioso.






Tags:

Lascia una risposta