Muore addormentato con la sigaretta accesa

21 febbraio 2013 10:270 commenti

Un tragico incidente, causato dalla stanchezza e dalla distrazione, pone fine alla vita di un uomo nel bresciano.

Succede tutto durante la scorsa notte. L’uomo è morto successivamente allo scoppio di un incendio, divampato violentemente all’interno della sua villetta. La tragedia si è compiuta in via Mazzini, a Rezzato, provincia di Brescia.

Erano le 4 del mattino e l’uomo è morto quasi all’istante. Ancora non si conoscono le dinamiche esatte della tragedia, ma stando alle prime ricostruzioni effettuate da Vigili del fuoco e Polizia, l’uomo si era addormentato sul divano con una sigaretta accesa.


L’uomo era proprietario di una distilleria storica di Brescia. Si trovava nella sua abitazione in una serata all’apparenza molto tranquilla, se non fosse per questa mortale distrazione.

Al momento, all’indomani della tragedia, i Vigili del fuoco stanno ricostruendo tutte le dinamiche esatte di quanto accaduto.

In casa, con l’uomo, si trovava anche sua moglie. La donna, dopo aver visto le fiamme alzarsi è riuscita per miracolo a fuggire e mettersi in salvo. Al momento, però, è ricoverata presso la clinica Poliambulanza di Brescia.

Qui, i medici la stanno sottoponendo a numerosi accertamenti, dal momento che ha riportato delle ustioni e che si trova ancora in stato di chock.

L’uomo, colpevole della distrazione fatale che accade sovente a molti, è invece morto dopo poco. Per lui non è stato possibile fare nulla, poiché ogni tentativo dei Vigili del fuoco è stato vano.






Tags:

Lascia una risposta