Nicole Minetti non si vergogna e non si dimette

12 maggio 2012 14:060 commenti

Nicole Minetti non si vergogna e non si dimette. Il consigliere regionale del Pdl della Lombardia si è presentata nell’aula del Tribunale di Milano per la prima volta ieri mattina nell’ambito del processo Ruby bis. Ha semplicemente assistito al processo che la vede imputata (con Lele Mora ed Emilio Fede) per favoreggiamento e induzione della prostituzione anche minorile.

La Minetti ha assistito senza batter ciglio alla deposizione imbarazzata dell’ex amica-compagna di liceo Melania Tumini che partecipò a una cena di Arcore (lo scorso 19 settembre 2010) rimanendo non poco sconvolta e negando con assoluta certezza che all’interno di Villa San Martino si tenessero gare di burlesque e che non fossero cene eleganti, come vorrebbe far intendere l’ex premier Silvio Berlusconi.

NICOLE MINETTI FOTO SU TWITTER


Canottiera bianca attillatissima, tailleur scuso, Birkin al braccio e foulard bon ton, sorriso smagliante d’ordinanza, in un momento di pausa del processo la Minetti, inseguita dai giornalisti, ha dichiarato di non provare alcun tipo di imbarazzo di fronte alla deposizione della sua amica, di non vergognarsi assolutamente e soprattutto di non volersi dimettere: lungi da lei l’idea di lasciare la politica.


DANIELA SANTANCHÈ PARAGONA NICOLE MINETTI A NILDE IOTTI

Ha inoltre confermato ai giornalisti che parlerà, ma solo al processo. La Tumini ha ribadito quanto precedentemente dichiarato circa la dinamica della serata del bunga bunga soffermandosi anche sul ruolo della Minetti (che rimase per l’occasione in culotte e camicia) che l’aveva invitata per l’occasione.  Evidentemente la Minetti, che dopo un inizio nel mondo dello spettacolo e dopo la carriera d’igienista dentale, è entrata in politica ed è stata eletta nel listino bloccato di Formigoni all’interno del Consiglio Regionale della Lombardia, non ritiene opportuno di lasciare il suo nuovo mondo dorato e di perdere l’attenzione mediatica.






Tags:

Lascia una risposta