No Tav folgorato: è grave

27 febbraio 2012 12:140 commenti

Ancora manifestazioni di protesta in Val di Susa e questa volta si deve registrare anche un ferito in gravissime condizioni. Un manifestante di 37 anni, Lucca Abbà, è rimasto folgorato su un traliccio dell’alta tensione dove era salito per protestare e resistere agli espropri di terreni a Chiomonte, ed è caduto da quasi dieci metri di altezza. Trasportato al Cto di Torino versa attualmente in gravi condizioni. Luca Abbà è uno dei proprietari espropriati.

Proprio gli espropri, effettuati a sorpresa questa mattina di buon ora, sono al centro di nuove proteste da parte degli abitanti della zona, in “guerra” ormai da anni con lo Stato contro la Torino-Lione.


All’alba infatti, in anticipo rispetto al previsto, operai e forze dell’ordine hanno provveduto ad allargare le recinzioni verso i terreni privati. Le operazioni di esproprio dovrebbero concludersi in serata, mentre il Prefetto ha vietato l’accesso sia da Chiomonte che da Giaglione.

I legali che rappresentano i No-tav parlano di “vera e propria emergenza democratica”, e l’ordinanza del prefetto sarebbe in violazione con l’articolo 2 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza, che autorizza questo tipo di ordinanze solo in caso di estrema urgenza. I legali hanno gia annunciato il ricorso al Tar del Piemonte per la violazione del Testo. Intanto uno stop alle operazioni di esproprio è stato chiesto anche dal segretario regionale piemontese di Rifondazione Comunista, Armando Petrini.






Tags:

Lascia una risposta