Nuove teorie sulle dimissioni del Papa

22 febbraio 2013 10:510 commenti

Tra sei giorni, il 28 febbraio, Benedetto XVI abdicherà. Nel frattempo spuntano nuovi e inquietanti retroscena sui motivi delle sue dimissioni.

Un dossier segreto svela questioni legate al sesso e alla carriera, fondate su lotte per il potere e per il denaro e basate su un’inchiesta relativa al Vatileaks che tre cardinali hanno consegnato nelle mani di Sua Santità.

In una parola sola, in ballo ci sono dei ricatti.

Di conseguenza, ecco l’addio del Santo Padre che rinuncia da un giorno all’altro al pontificato. Qualcuno, inoltre, è arrivato a tracciare l’ipotesi di una lobby gay.

Le questioni profilate nel ‘dossier segreto’, unite ai problemi di salute del Papa, ottantacinque anni, lo hanno indotto a prendere questa decisione. Non ha retto le pressioni che in gran segreto si sono abbattute da più parti sul Vaticano. A partire da quella del “Corvo” e proseguendo con le accuse del cardinale spagnolo dell’Opus Dei Julian Herranz, 83 anni.

C’è stata una vera e propria fuga di notizie, di carte rubate dall’appartamento papale e ci sono stati altri incredibili colpi di scena.

Poi la scoperta: esisterebbe una rete trasversale connessa dall’orientamento sessuale. Elementi scottanti, che la giornalista Concita Di Gregorio ha assemblato in un articolo uscito su La Repubblica.

Così, a 6 giorni dal 28 febbraio, le cose si complicano ulteriormente e tutti sono alla ricerca della verità.

Tags:

Lascia una risposta