Nuovi incentivi auto 2012

24 febbraio 2012 17:360 commenti

Il Governo ha varato una norma per gli incentivi auto, che torneranno quest’anno ma solo per il GPL e il Metano, e solo per 600 comuni. Non tutti gli italiani potranno così usufruire del contributo statale per montare gli impianti a gas sulle proprie auto.

La decisione di limitare la possibilità di accedere all’incentivo è dovuta all’esiguità dei fondi a disposizione, solo 1 milione e 700 mila euro circa, sufficienti per appena 4.500 nuovi impianti.
L’incentivo è così pieno di paletti, per limitarne l’utilizzo. Possono essere richiesti i fondi solo dopo aver verificato sul sito web www.ecogas.it la disponibilità per il proprio comune ed aver ottenuto il codice di prenotazione. L’incentivo può essere richiesto solo per le auto Euro 2 e Euro 3 immatricolate dopo il 1° gennaio 1997.


Sono stati stanziati 500 euro per gli impianti GPL e 650 euro per quelli a metano, di questi, 150 euro saranno a carico dell’installatore come sconto rimborsabile, mentre il restante sarà rimborsato al proprietario del veicolo dall’ufficio ICBI del Ministero dell’Ambiente.
Particolare attenzione deve essere posta alla compilazione della domanda, con lo sconto dell’officina che deve essere riportato in fattura, pena l’annullamento del contributo, e alla scelta dell’installatore, che deve aver aderito all’iniziativa firmata dal Ministero e dalle associazioni Consorzio Ecogas, Confartigianato Autoriparazione e CNA.

Inoltre i collaudi dei nuovi impianti dovranno essere effettuati entro 120 giorni dalla prenotazione o questa verrà cancellata. Visti gli scarsi fondi a disposizione si pensa che i contributi saranno esauriti nel giro di qualche settimana, è quindi molto importante non commettere errori burocratici per non perdere l’ordine cronologico di prenotazione e, con grande probabilità, il contributo stesso.
Il Ministero inoltre ricorda che gli incentivi non sono cumulabili, quindi sono da escludere le persone giuridiche che hanno già superato la soglia di 200 mila euro di contributi ricevuti negli ultimi tre anni.






Tags:

Lascia una risposta