Nuovi scioperi dei benzinai dal 14 al 18 giugno 2014

7 giugno 2014 14:400 commentiDi:

benzina_aumenti

Con il mese di giugno 2014 parte ufficialmente l’estate italiana degli scioperi dei benzinai. Gli scioperi in programma interesseranno infatti la maggior parte degli impianti sia in modalità servita che in modalità self – service, per gli aderenti Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc – Anisa Confcommercio e saranno motivati dal continuo aumento dei prezzi imposti dalle compagnie petrolifere. 

Costo della benzina negli stati europei

Ecco quindi quale sarà il calendario degli scioperi in programma nei prossimi giorni, prevalentemente concentrati tra il 14 e il 17 giugno:


  • dalle ore 7.00 del 14 giugno alle ore 19.30 del 17 giugno chiusura alle vendite dei self service pre-pay negli orari di apertura degli impianti, con relativo oscuramento dei prezzi “scontati” ad essi collegati e dell’insegna della compagnia;
  • dalle ore 19.30 del 17 giugno  alle ore 7.00 del 19 giugno, sciopero generale nazionale degli impianti di rete ordinaria
  • dalle ore 22.00 del 17 giugno alle ore 22.00 del 18 giugno sciopero generale nazionale delle aree di servizio autostradali
  • dalle ore 24.00 del 21 giugno alle ore 24.00 del 28 giugno non sarà accettato alcun mezzo di pagamento elettronico (carte di credito e di debito, pagobancomat, carte petrolifere, ecc.) e saranno sospese tutte le campagne promozionali di marchio su tutta la rete ordinaria.

Benzina: in Italia i prezzi più alti d’Europa

In più a suggello di questo stato di agitazione il giorno 18 giugno è prevista una manifestazione nazionale dei Gestori di rete ordinaria ed autostradale a Roma, i quali si riuniranno per protestare contro l’innalzamento dei prezzi imposto dalle compagnie petrolifere in maniera ingiustificata, cosa che non è stata a loro avvisa affatto evitata dall’intervento della politica e delle istituzioni.

I gestori lamentano in particolare la pratica secondo cui le stesse compagnie petrolifere operano prezzi diversi tra i gestori appartenenti ad un marchio e quello no logo o attivi presso supermercati dall’altro.






Tags:

Lascia una risposta