Nuovo codice della strada 2014: novità su patente e strisce blu

10 ottobre 2014 11:100 commenti

A niente è servita la mossa del Movimento 5 Stelle che è uscito dall’aula al momento delle votazioni provando a far mancare il numero legale sulla riforma del codice della strada. Il sì della Camera alla riforma del codice della strada è stato approvato con 246 sì.

La Camera ha approvato la riforma del codice della strada che ha incontrato soltanto 9 oppositori. Per il resto si contano 246 pareri favorevoli al nuovo testo e l’assenza dei pentastellati in aula. Ecco le innovazioni principali previste dal nuovo testo.

Omicidio stradale. C’è una delega che prevede l’introduzione nel codice penale dell’omicidio commesso con violazione delle norme sulla circolazione stradale come doloso, soprattutto se commesso da soggetti alla guida ubriachi o sotto l’effetto di stupefacenti.

> Guida in stato di ebbrezza, Phelps nei guai

Ergastolo della patente. La patente di guida è revocata a vita per chi è accusato di omicidio colposo per violazione del codice della strada. La revoca è prevista se l’omicidio è compiuto da un conducente che si è messo al volante con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, oppure nel caso ci siano più vittime con morte di una o più persone.

Strisce blu. La multa per chi sfora il tempo del parcheggio dovrà essere graduale e tenere conto del tempo di permanenza illegittimo e non della violazione in generale.

Scooter in autostrada e più attenzione alla biciclette. Sarà promossa la sicurezza delle bici soprattutto per i ciclisti under14 e sarà possibile per loro passare come i ciclomotori e i motocicli nelle corsie riservate ai mezzi pubblici. Per gli scooter, invece, arriva la possibilità di circolare in autostrada (motocicli di cilindrata superiore ai 150 cc) e superstrada (motocicli di cilindrata superiore ai 120 cc) se condotti da maggiorenni.

Tags:

Lascia una risposta