Obama dichiara stato di calamità dopo tornado in Oklahoma City

21 maggio 2013 18:350 commenti

Carolina del Sud danni provocati dai tornado

Un enorme tromba d’aria provoca la morte di 24 persone, dunque non di 91 come precedentemente affermato da fonti ufficiali, a Moore, piccolo sobborgo di 55.000 abitanti di Oklahoma City.

Una notizia che piega l’America. Sette delle ventiquattro vittime sono bambini. Il tornado ha mobilitato tutto il territorio, luogo in cui in questo momento i soccorritori stanno effettuando numerose ricerche per rintracciare i dispersi.

Difficile farle dal momento che in mezzo ci sono edifici crollati e numerose macerie.

Fino ad adesso, le persone estratte vive dalle macerie a Moore sono cento.

Tuttavia, l’area è devastata e per coloro che si occupano delle ricerche non è facile individuare i giusti percorsi.


Obama, dopo aver appreso la notizia, ha dichiarato che è stato uno dei tornado più distruttivi della storia. Poi ha aggiunto di aver garantito a Governatore e Sindaco che “avranno tutto l’aiuto di cui hanno bisogno”.

Intanto, c’è chi parla di un dramma annunciato.

Le televisioni riprendevano la formazione di questo tornado, un assembramento scuro, minaccioso, gigantesco largo quasi 2 chilometri che ha iniziato ad avanzare con forza inusisata toccando il livello quattro (su cinque) della scala Fujita.

Lungo il suo percorso, il tornado ha distrutto automobili, trasformato semafori in proiettili micidiali, sollevato animali nel furia del suo mulinello, distrutto interi quartieri e ridotto a un cumulo di macerie le due scuole dove i bambini restavano chiusi proprio per proteggersi dalla furia del tornado in arrivo.






Tags:

Lascia una risposta