Oltre 2000 feti trovati in un tempio di Bangkok

I corpi, che attendevano di essere inceneriti, erano conservati nella camera ardente di un luogo di culto buddista. Il caso, preso molto seriamente dalle autorità, rilancia la questione degli aborti clandestini in Thailandia.

Scoperta macabra in un tempio di Bangkok. Circa 1700 feti umani,  provenienti probabilmente da cliniche in cui praticavano aborti illegalmente, sono stati scoperti, ieri, in un luogo di culto buddista al centro della capitale tailandese. Alcuni, secondo un funzionario della polizia locale, erano conservati in quel luogo da oltre un anno.

Sono stati i forti odori che emanavano dal tempio, che hanno portato le autorità a procedere agli scavi.

Martedì scorso, la polizia aveva già ritrovato 348 feti imballati in sacchetti di plastica e carta da giornale, nella zona limitrofe al luogo di culto, in cui vengono depositati i cadaveri prima della loro cremazione.

Gli altri 1700 feti invece, sono stati rinvenuti in altre due sale della camera ardente.

80.000 aborti clandestini ogni anno

Questi ritrovamenti hanno colpito il Paese, rilanciando il serio problema degli aborti clandestini in Thailandia, dove l’interruzione di gravidanza è severamente vietato, tranne nel caso in cui sussista un pericolo di vita per la futura madre o una malformazione del feto.

In base ai dati rilasciati dal Ministero della Salute tailandese, ogni anno vengono praticati, nel Paese, circa 80.000 aborti illegali (su uno milione di gravidanze).

Questo “dimostra la gravità del problema”, ha commentato il primo ministro. Che ha respinto l’ipotesi di una modifica della legge, che, secondo lui, è già “sufficientemente flessibile”.

Diverse persone sono state arrestate, tra cui due dipendenti  della camera morturia ed un medico di una clinica dove venivano eseguiti gli aborti clandestini.Si ignorano attualmente i capi d’imputazione mossi contro di  loro.

Secondo le prime considerazioni, i feti non erano stati ancora inceneriti, poiché i forni della camera ardente sono  risultati guasti, completamente fuori uso.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *