Papà prende a calci un bambino

28 febbraio 2013 10:350 commenti

Sentiamo spesso dire che l’hockey sul ghiaccio sia un sport violento. Prova ne sono i numerosi litigi che avvengono sul campo, tra una squadra e l’altra o tra le panchine.

Sappiamo con assoluta certezza che si parla di uno sport in cui l’agonismo diventa spesso accanimento, al punto tale da produrre episodi non proprio belli da vedere.

Scontri violenti e regolamenti di conti sono, dunque, all’ordine del giorno quando si è su una pista da hockey su ghiaccio.

Questa volta, tuttavia, l’episodio di violenza va ben oltre le questioni sportive e diventa deplorevole per la gravità di quanto accaduto.


In questa storia c’è un aggressore e c’è una vittima.

Il primo è un allenatore di una squadra giovanile di hockey sul ghiaccio di Vancouver. Si chiama Martin Tremblay e, obiettivamente, ha esagerato.

Martin Tremblay è il tecnico degli UBC Hornets. Durante una gara ha atteso il momento dei saluti finali per scagliarsi violentemente contro uno dei giocatori della squadra avversaria.

L’uomo, dopo averlo preso di mira, ha rifilato al giovane un super calcio che ha provocato la sua caduta nonché quella di un compagno di squadra che si trovava nelle vicinanze. Vale la pena conoscere cosa aveva fatto questo ragazzino durante la gara? Probabilmente no.

Denunciato dai genitori del giovane giocatore, Tremblay è stato arrestato. Il video, inoltre, è finito su youtube e del caso se ne sono occupati diversi media nazionali tra i quali la CBC.






Tags:

Lascia una risposta