Parroco sordo assolve tutti i fedeli

20 aprile 2012 09:330 commenti

Accadono strane cose a Moriago della Battaglia (piccola frazione di Vittorio Veneto, in provincia di Treviso): le persone fanno letteralmente la fila per confessarsi. Il motivo? Non uno slancio di costante redenzione quanto piuttosto un motivo molto meno nobile.

In pratica il prete addetto alla confessione dei fedeli è sordo e l’apparecchio acustico non lo aiuta. Dopo qualche minuto comincia a fischiare e il prete pare sia costretto a toglierlo. Il risultato è che il parroco non riesce a sentire davvero nulla, neppure le confessioni che i fedeli gli fanno. Il risultato? Il prete, in buona fede, assolve praticamente tutti quelli che si presentano a lui perché di fatto non riesce ad ascoltare nulla di quanto gli viene confidato.


Facile intuire il motivo che ha indotto i cittadini a confessarsi a frotte, soprattutto i ragazzini della comunità. Proprio uno di loro ha raccontato a un quotidiano come la confessione da qualche tempo a questa parte sia diventata un’esperienza “molto divertente” perché di fatto il peccatore riesce sempre ad ottenere l’assoluzione.

Fedeli alquanto disonesti però dal fatto che ben consapevoli che il parroco, ultraottentenne, non avrà ascoltato nulla di quanto confessato, riescono a liberarsi la coscienza in un attimo. Il fenomeno, che coinvolge l’intera comunità, vede una fila continua davanti al confessionale pullulata non solo da ragazzini, ma anche da vedove e da mamme di varie età.

I problemi del parroco con l’apparecchio acustico sono ben noti a tutti anche anche perché pare che diversi testimoni hanno confermato che anche durante la celebrazione della messa, il prete sia spesso costretto a interrompere la funzione per sistemare l’apparecchio acustico. Un nuovo apparecchio e un po’ più di serietà, per non dire di moralità da parte dei fedeli, potrebbero risolvere il problema in un attimo.






Tags:

Lascia una risposta