Partorisce in casa con i consigli su Facebook dell’ostetrica

6 ottobre 2014 09:251 commento

E’ successo a Lipari nelle isole Eolie dove da diversi anni manca un punto nascita e le mamme spesso sono costrette a raggiungere gli ospedali siciliani. Una donna, invece, ha deciso di partorire in casa con i consigli dell’ostetrica ottenuti su un gruppo su Facebook.

In alcuni casi Facebook può essere provvidenziale, se com’è successo a Lipari, è impossibile trasferirsi in Sicilia per partorire. La situazione dell’assenza di punti nascita nell’isola è delicata ma una donna non si è scoraggiata e ha trovato conforto e sostegno nella rete. Certo, mentre si partorisce Facebook non dovrebbe essere la prima preoccupazione, a patto che non sia l’unica soluzione.
facebook


A Lipari, oggi, si devono affrontare delle faticose trasferte fino agli ospedali di Milazzo, Patti o Messina per partorire rischiando tra l’altro che si partorisca anche sull’elicottero del 118 o sull’aliscafo con cui ci si sta trasferendo. Perché il parto è così: accade all’improvviso. Una donna, Laura Zaia, ha deciso di tentare una strada diversa ed è riuscita a partorire in casa grazie a Facebook. Ha seguito le indicazioni di un’ostetrica catanese che aveva conosciuto su internet, Antonina Giunta e con i suoi consigli ha messo al mondo Giada di 3 chili e mezzo.

> Quali novità per Facebook? Tra salute e Whatsapp

Il gruppo dove le due donne si sono incontrate aveva un nome emblematico, Voglio nascere a Lipari ma forse non potrò più farlo”. Un gruppo nato per protesta contro l’assenza di un punto nascita isolato. Questa estrema versione della protesta non lascerà gli amministratori passivi. Ne viene fuori in modo positivo la mamma coraggiosa, la figura essenziale dell’ostetrica e anche l’uso “sano” di Facebook. Non a caso il social network sta virando verso la salute.






Tags:

1 commento

  • Antonina Giunta

    Non comprendo come si possono scrivere tante stupidaggini.
    Sono l’ostetrica che ha assistito personalmente il parto a casa di Laura avvenuto a Lipari.
    Spero correggiate l’articolo, perchè molte credono che io abbia dato indicazioni online e Laura abbia partorito da sola.

Lascia una risposta