Politici gay ma omofobi lista di 10 parlamentari

23 settembre 2011 12:241 commentoDi:

La pubblicazione su un blog pirata statunitense di una lista outing, un elenco “di personalità politiche presunte gay e omofobe” è stata seguita da forti polemiche, la principale associazione di difesa dei gays l’ha qualificata come un “insieme misero di pettegolezzi”. 

L’elenco dei dieci nomi, fra i quali ministri e deputati di destra, molto vicini a Silvio Berlusconi, è stato pubblicato questa mattina, dopo essere stato annunciato il 15 settembre. 

“Questa iniziativa è nata per rendere un po’ di giustizia, in un paese in cui molte persone non hanno alcun mezzo per potersi difendere dagli insulti e dagli attacchi quotidiani, da parte di una classe politica ipocrita„, spiegano gli autori sul loro blog. 

L’elenco contiene 10 nomi di parlamentari di centro-destra e in comune hanno il fatto di aver votato tutti contro la legge sull’omofobia. Gli hacker informatici promettono di pubblicare entro breve un altro elenco, molto più lungo, nel quale compariranno anche i nomi di molti sacerdoti. 

Il comunicato precisa: “Abbiamo deciso di iniziare con questi primi dieci nomi per fare comprendere chiaramente come al Parlamento italiano regna la norma dell’ipocrisia e della discriminazione„, affermano. “Per il momento, ci siamo limitati a pubblicare i nomi di quelli che hanno votato contro la legge sull’omofobia” precisano. 


Questa iniziativa è stata sostenuta da Aurelio Mancuso, presidente dell’associazione Equality Italia: “Oltre al clamore (sollevato dall’evento), queste persone non dovrebbero in alcun modo sentirsi insultate, e nemmeno drammatizzare, perché “gay” non è un insulto„, ha affermato. 

“È meglio avere la passione per le belle donne che essere gay„

Un parere non condiviso da Arcigay, principale movimento di difesa dei diritti degli omosessuali: questa lista non contiene “alcuna prova, nessuna dimostrazione della loro omofobia, nessuna fonte verificabile o verificata„, deplora il presidente Paolo Patanè in un comunicato. “Siamo di fronte ad un insieme di cose insulse e di miseri pettegolezzi senza una fondatezza concreta„, denuncia. 

Da quasi due anni, l’Italia si trova in una fase di recrudescenza delle aggressioni omofobiche, che trasporta le associazioni omosessuali ad organizzare manifestazioni e a richiedere una legge anti-omofobia. 

Tuttavia, per la seconda volta, anche nello scorso mese di luglio, una proposta di legge era stata respinta da parte della maggioranza, causando la rabbia dei militanti omosessuali. Lo scorso anno, intervistato sulle sue scappatelle sessuali, Silvio Berlusconi aveva annunciato: “Meglio avere la passione per le belle donne che essere gay„.

Ultimo aggiornamento 23 settembre 201, ore 14,25

 






Tags:

1 commento

  • Non riesco a capire come si possa sempre etichettare sempre come “hacker” ogni persona che ha una qualsiasi connotazione negativa.

    Almeno a volte, non sarebbe meglio pesare le parole senza cercare ogni volta il sensazionalismo?

    Per il resto buon articolo …

Lascia una risposta