Pronto piano anti evasione

31 gennaio 2012 13:010 commenti

Attilio Befera, direttore dell’Agenzia delle Entrate, rivela che lo scorso anno sono stati recuperati oltre 11,6 miliardi di euro e che il controllo dei conti bancari potrebbe rappresentare la svolta per la lotta contro l’evasione fiscale. I risultati sembrano migliorare di anno in anno, infatti nel 2009 lo Stato aveva recuperato 9 miliardi contro i 10,5 miliardi nel 2010.

L’uomo dice che in questo momento è possibile verificare la posizione di tutti i contribuenti e che dopo la dichiarazione dei redditi di giugno partirà un’operazione che permetterà di smascherare tutti coloro che provano ad ingannare il Fisco. Befera spiega che purtroppo l’Italia è un Paese dove è sempre mancata la cultura della legalità fiscale, infatti ne sono una conferma i blitz effettuati di recente a Cortina, Milano e ora nel centro sud, perché hanno dimostrato che sempre più spesso commercianti e professionisti non dichiarano quanto hanno guadagnato.

L’evasione è stata definita una piaga sociale ed economica, perché il cittadino che non paga le tasse danneggia con il suo comportamento tutti i contribuenti onesti, infatti le operazioni anti evasione stanno indignando l’opinione pubblica perché emerge infedeltà fiscale e per questo verranno rafforzati gli interventi sul territorio. Purtroppo però sono sempre di più le persone che decidono di portare i propri capitali all’estero, infatti a fine anno sono stati trasportati illegalmente circa 11 milioni di euro, tanto che alcune banche svizzere hanno deciso di affittare le cassette di sicurezza dei grandi alberghi, perché non sono in grado di esaudire l’abnorme quantità di richieste che hanno dai clienti italiani.

Tags:

Lascia una risposta