Province sarde abolite dal referendum

8 maggio 2012 11:500 commenti

Sono quattro le province sarde che a seguito del referendum conclusosi ieri scompariranno. Contrariamente a quelle che erano le aspettative, infatti, i sardi hanno votato a favore dell’eliminazione della metà delle loro province. Oltre all’esito del voto, inaspettato è stato anche il raggiungimento del quorum, che è stato superato di soli pochi punti percentuali ma comunque sufficienti a rendere valida la consultazione e a cancellare dall’elenco delle province sarde Olbia-Tempio, Ogliastra, Medio Campidano e Carbonia-Iglesias, ovvero quelle istituite solo pochi anni fa.

LEGGE SALVA-FAMIGLIE PER I FALLIMENTI INDIVIDUALI

L’eliminazione è quindi definitiva, mentre ancora non è chiaro come si provvederà ad attuarla, soprattutto in considerazione del fatto che le quattro province hanno contratti, dipendenti, bilanci e patrimoni propri. L’ipotesi ad oggi più accreditata è che la Regione provveda alla nomina di quattro funzionari liquidatori che dovrebbero quindi occuparsi della gestione della chiusura delle attività in corso.

NOVITÀ RIFORMA FISCALE GOVERNO MONTI

Ma le province sarde più recenti non sono le uniche a voler essere abolite dai cittadini. Tra i referendum su cui la popolazione sarda è stata chiamata ad esprimere il proprio voto, oltre a quello relativo all’abrogazione delle province sopra indicate,  figura anche un referendum di non di tipo abrogativo ma di tipo consultivo, attraverso il quale è stato chiesto ai cittadini se fossero o meno favorevoli all’eliminazione di quelle che sono considerate le quattro province “storiche” della Sardegna, ovvero Cagliari, Nuoro, Oristano e Sassari. Ebbene, anche in questo caso i cittadini che hanno votato a favore dell’abolizione delle province hanno rappresentato la maggioranza, ovvero il 66% dei votanti. In questo caso, tuttavia, come anticipato, il referendum è servito solo a sentire il parere popolare.

Tags:

Lascia una risposta