Rapina andata male con un 81enne

12 marzo 2013 12:100 commenti

Mentre stava tornando a casa nella notte di domenica scorsa, James Stevens, ottantunenne residente in Florida, si è accorto che qualcosa non stava andando per il verso giusto nell’aria. Poi, ha realizzato che una Ford Kia del 2010 lo stava inseguendo da circa 20 minuti.

Stevens non aveva intenzione di condurre l’uomo che lo inseguiva verso il suo appartamento a Ocala, in Florida, così ha messo il piede sull’acceleratore e ha sterzato verso i campi.

Nel contempo, la Kia si è fermata. Con il senno di poi, il rapinatore avrebbe fatto meglio a continuare a guidare.

Infatti, lo scaltro 81enne ha recuperato la sua calibro 38 Smith & Wesson ed è uscito dal suo veicolo, almeno stando al rapporto dello sceriffo della contea.

Stevens ha detto agli investigatori che il conducente della Kia – più tardi identificato come Lonnie Lorenza Hollingsworth Jr., di 28 anni- è sceso dalla macchina, si è avvicinato e ha chiesto al vecchietto: “Dammi tutto quello che hai”.


“Io non volevo sparargli, ma dovevo. Gli ho sparato “, ha detto Stevens.

Secondo le foto delle prove, sembra che Stevens abbia sparato quattro colpi dei sei della rivoltella.

Hollingsworth è stato colpito una volta all’addome e giaceva sull’erba immobile quando i soccorsi sono arrivati. Hollingsworth è stato portato al Regional Medical Center di ocala, dove è rimasto in condizioni critiche fino a lunedi pomeriggio.

Michelle Barron, un residente nella zona in cui è avvenuta la sparatoria, ha chiamato il 911 pensando erroneamente che Hollingsworth fosse morto. “Abbiamo una persona morta qui,” ha detto Barron all’operatore del 911. “Il ragazzo che vive dall’altra parte della strada ha parcheggiato il suo camion in campo e qualcuno ha cercato di derubarlo, gli hanno sparato e lo hanno ucciso”.   Hollingsworth ha avuto numerosi scontri con la legge ed è stato condannato nel 2008 per il possesso di un’arma da fuoco con numeri di serie alterati. Hollingsworth, però, quel giorno non aveva con sé un’arma. L’ufficio del sceriffo sta continuando a indagare sull’incidente.

 






Tags:

Lascia una risposta