Revocati gli arresti domiciliarti per Francesco Schettino

5 luglio 2012 16:080 commenti

Francesco Schettino è in libertà. Il gip di Grosseto Valeria Montesarchio ha revocato gli arresti domiciliari per l’ex comandante Costa Concordia naufragata lo scorso gennaio all’Isola del Giglio. Schettino torna in libertà, ma sarà costretto all’osservanza dell’obbligo di dimora nel Comune di Meta di Sorrento, Napoli.

A rendere nota la notizia, sono i difensori di Schettino che avevano già avanzato richiesta della revoca al gip raccogliendo anche il parere favorevole del pubblico ministero. Schettino si trovava ai domiciliari dallo scorso 17 gennaio 2012 e intanto l’ex comandante continua a difendersi scrivendo nel memoriale dei suoi legali di non essere un codardo ed esprimendo le sue condoglianze alla famiglie delle vittime.


Nel memoriale Schettino sostiene di essere sempre stato lucido fin dall’inizio e a sua difesa tira in ballo i risultati emersi pochi giorni fa dall’indagine dei perito chiamati dal Tribunale di Grosseto. Secondo i periti la Costa Concordia era in avaria già quattro giorni prima del naufragio e il guasto avrebbe riguardato anche la ‘scatola nera’, rendendo di fatto impossibile una ricostruzione esatta di quello che accadde la notte della tragedia nel corso della quale persero la vita 32 persone.

I dati emersi dalla scatola nera sembrerebbero confermare quanto dichiarato da Schettino (anche se le intercettazioni dei primi giorni suggeriscono un quadro diverso) che difende l’abilità e l’esperienza della sua manovra. Provvidenziale la sua decisione di cambiare rotta: se fosse rimasto sulla stessa la nave avrebbe colpito lo scoglio con la prua e “sarebbe stata un’ecatombe” ammette Schettino.






Tags:

Lascia una risposta