Sabina Guzzanti condannata a risarcire Mara Carfagna con 40mila euro

9 ottobre 2012 15:000 commenti

Sabina Guzzanti dovrà risarcire con 40mila euro l’ex Ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna. Il Tribunale di Roma ha condannato la nota attrice rea di aver diffamato la Carfagna con le sue affermazioni in occasione del No-Cav-Day, la manifestazione organizzata a Piazza Navona, nella Capitale nel luglio del 2008 per chiedere le dimissioni di Silvio Berlusconi, allora presidente del Consiglio.

La Guzzanti aveva partecipato attivamente con un intervento dal palco e il giudice ha giudicato offensive proprio le sue parole. Sotto accusa in particolare lo stornello romano che la Guzzanti aveva intonato e che era stato opportunamente parafrasato per l’occasione con chiare allusioni di carattere sessuale sui presunti rapporti tra Berlusconi e la sua ex ministra facendo riferimenti alle numerose intercettazioni che coinvolgevano proprio l’ex premier.


Da lì in poi l’attacco, anche se sarcastico, si era fatto certamente più pesante alludendo anche al ruolo politico della Carfagna guadagnato a suo dire in modo poco consono. “Non me ne frega niente della vita sessuale di Berlusconi” aveva detto la Guzzanti continuando con frasi del genere “Non la puoi mettere da nessuna parte, ma in particolare non la puoi mettere alle Pari opportunità perché è uno sfregio”.

La Carfagna annunciò che avrebbe querelato l’attrice e adesso, a distanza di quattro anni, i giudici hanno considerato l’intervento della Guzzanti diffamatorio per l’ex ministra perché basato su considerazioni che non hanno mai avuto un riscontro oggettivo. E adesso Sabina Guzzanti dovrà risarcire Mara Carfagna per danni morali per l’ammontare di 40.000 euro.






Tags:

Lascia una risposta