Home / News / Sardegna muore donna punta da medusa

Sardegna muore donna punta da medusa

medusaUna donna di 69 anni, Maria Furcas,  stava facendo il bagno a Porto Tramatzu, una spiaggia del cagliaritano,  quando è stata ustionata dal contatto con una medusa.

La donna si è sentita subito male e inutili sono valsi  tutti i tentativi di soccorso praticati da alcuni bagnanti,  Maria Furcas è morta poco dopo per arresto cardiocircolatorio dovuto a shock anafilattico. 

La donna, era una maestra elementare in pensione, stava trascorrendo una giornata al mare, finita poi in tragedia. Maria Furcas, di San Nicolò Gerrei aveva trascorso una buona parte della sua vita in Veneto. 

E’ morta ieri mattina sulla spiaggia di Porto Tramatzu di Villaputzu,  dopo aver subito il contatto con una medusa che le ha provocato un’ustione alla gamba destra. Non appena ha avvertito il fastidio, ha tentato di chiedere aiuto, ma non ce l’ha fatta. 

Quando sono arrivati i medici del 118, la pensionata era già morta. La salma è stata quindi rimossa e trasferita all’obitorio del paese. 

“Ora spetterà al medico legale stabilire l’esatta causa della morte“, ha riferito un medico all’Adnkronos. Anche i carabinieri della Stazione San Vito hanno sottolineato che solo l’autopsia “potrà precisare che la morte sia dovuta ad un infarto della donna in mare, piuttosto dal contatto della medusa stessa”. 

“Se fosse morta per la medusa sarebbe il primo caso di questo genere, solitamente le meduse provocano reazioni cutanee locali, mai problematiche sistemiche così gravi”, ha precisato il prof. Giorgio Walter Canonica, past president della World Allergy Organization (Wao) e docente all’Università di Genova,  all’Adnkronos. 

“Inoltre”,  conclude l’esperto, “non risulta sia mai stato descritto uno shock anafilattico letale a seguito della puntura di una medusa. E’ chiaro che si se trattasse di una specie particolare,  il dubbio potrebbe venire. Ma questo solo se ci trovassimo nei mari tropicali, non in Sardegna né, in generale, in Italia”.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *