Sciopero benzinai 2012: possibili date

5 febbraio 2012 14:160 commenti

Bisognerà attendere martedì prossimo, 7 febbraio, per conoscere le date precise oltre che le modalità del già annunciato e molto temuto sciopero dei benzinai. Per quella data è infatti prevista l’assemblea generale di categoria a piazza Montecitorio, a Roma, anche se già da ora è certo che i benzinai incroceranno le braccia dai sette ai dieci giorni, in base alla sigla sindacale di appartenenza.

Secondo alcune indiscrezioni tuttavia, le agitazioni, che riguarderanno sia la rete ordinaria che quella autostradale, potrebbero avere inizio a partire dalla seconda settimana del mese di febbraio ed essere suddivise in più tappe della durata di 3 giorni ciascuna, così da rimanere entro i limiti massimi previsti dalla legge. L’ipotesi più plausibile, dunque, è che le proteste si protrarranno fino a fine mese con due ulteriori serrate dei distributori di carburante nella terza e quarta settimana di febbraio. Una seconda possibilità prevede invece che l’agitazione possa protrarsi fino alla prima settimana di marzo.

La chiusura dei distributori andrà ad aggravare le tante difficoltà e disagi che in molte regioni d’Italia sta causando l’ondata di maltempo, motivo per cui in alcune zone l’inizio della protesta potrebbe essere anticipato oppure posticipato.

I benzinai protestano contro la mancata liberalizzazione della distribuzione del carburante da parte del Governo, a loro dire incapace di varare una reale riforma che conduca a liberare il settore dal controllo assoluto attualmente in mano ai monopolisti. In una nota congiunta di Fegica e Fab si afferma infatti che: “Il decreto del governo non solo non liberalizza il settore dei carburanti e ne conferma i vincoli che ingessano forniture e prezzi, ma autorizza le compagnie petrolifere a saltare la mediazione della contrattazione collettiva nella fissazione del margine dei gestori e a cacciarli dai loro impianti per sostituirli con le macchinette self service, aperte per 24 ore al giorno”.

Tags:

Lascia una risposta