Si allarga lo scandalo carne di cavallo di Nestlè

19 febbraio 2013 10:210 commenti

Continua a tenere banco la questione dei cibi messi sul mercato con false indicazioni sui loro ingredienti. Durante le scorse settimane sotto l’occhio del ciclone erano finite le Lasagne Findus, dopo che era scattato l’allarme relativo al fatto che contenevano carne di cavallo.

Ora, lo scandalo si allarga a macchia d’olio. Lo scandalo riguarda, per l’appunto, la carne di cavallo venduta come carne di manzo, e coinvolge in prima persona la Gran Bretagna. Dopo Findus, sotto inchiesta ci finisce anche Nestlé. La multinazionale svizzera, conosciuta come la più grande azienda mondiale in materia di prodotti alimentari, ha prontamente deciso di ritirare dai mercati italiano e spagnolo alcuni prodotti della sua linea.


Per l’esattezza, sono stato tolti dal mercato i “Ravioli di Brasato Buitoni” e “I Tortellini di Carne“. La decisione è stata presa successivamente ad alcuni test effettuati sui tutti i prodotti della filiera. Sono infatti emerse dalle analisi numerose tracce di Dna di cavallo, pari a poco più dell’1%.

La notizia della decisione di ritirare i prodotti in questione dal mercato, presa da parte della Nestlè, è stata resa nota dal Financial Times sul proprio sito. Al momento, la famosa multinazionale svizzera non ha voluto rilasciare alcun commento.

Sta di fatto che, in virtù di quanto affermato da un quotidiano britannico, Nestlé avrebbe informato le autorità di Italia e Spagna del settore della sicurezza alimentare.

Era passata solo una settimana da quando la Nestlè aveva annunciato che i propri prodotti a base di manzo non contenevano nessuna traccia di carne da cavallo. Oggi, invece, il curioso e amaro retroscena.






Tags:

Lascia una risposta