Silvia Deaglio risponde alle polemiche sul doppio posto fisso

8 febbraio 2012 16:030 commenti

È bufera sul Ministro del Welfare Elsa Fornero a causa di alcune sue recenti affermazioni, del tipo “l’articolo 18 non è un tabù”, “chi promette il posto fisso promette illusioni”.

Nel mirino è finita immediatamente la figlia del Ministro, Silvia Deaglio, 37 anni, professore associato presso il dipartimento di genetica, biologia e biochimica alla Facoltà di Medicina dell’Università di Torino (da oltre sette anni) la stessa dove insegnano proprio la madre (attuale Ministro) e il padre, Mario Deaglio, economista e giornalista. Intervistata, o quasi, da Nino Luca del Corriere della Sera per tentare di placare la polemica sui suoi due posti fissi, la Deaglio rifiuta ogni accusa e afferma che il suo curriculum è pubblico, dunque accessibile a tutti. Non vuole aggiungere nulla in merito, né intende giustificarsi di fronte a coloro che l’accusano.

Un curriculum brillante, invidiabile, senza dubbio: laureata in Medicina a 24 anni, la dottoressa si è specializzata in oncologia nel 2002 e ha ottenuto un dottorato in genetica umana nel 2006 non senza aver ottenuto un prestigioso incarico presso il Beth Israel Deaconess Medical Center di Harvard nel 2005.

Al momento è anche attuale responsabile della ricerca alla Hugef, fondazione che si occupa di genetica ricoprendo due importanti incarichi e ha al suo attivo anche numerose pubblicazioni scientifiche su riviste molto prestigiose.

Ma a causa delle parole del Ministro, il web si è scagliato, anche ironicamente, contro la Deaglio (che di posti fissi ne ha due), ma lei respinge fermamente le accuse di un blog che pone soprattutto l’accento sulla sua folgorante carriera accademica.

Tags:

Lascia una risposta