Stipendio dei manager pubblici

16 dicembre 2011 16:100 commenti

Stamane in prima pagina, Il Giornale, quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, ha intitolato: Le paghe d’oro (statali) – Tutti indignati con i parlamentari, intanto i manager pubblici sono pronti ad eludere il tetto dei 305mila euro l’anno.

Purtroppo, su di una cosa, il quotidiano, già in passato al centro di numerose polemiche giornalistiche, ha ragione: i mass media oggi, ipocritamente, sono rivolti contro i privilegi dei parlamentari (ovviamente i vantaggi per costoro restano un’ enorme storpiatura della democrazia italiana) ma è altresì vero che nulla viene detto di altre caste con altrettanti forti ed odiosi privilegi.


Infatti, i manager italiani percepiscono stipendi annui, spesso pubblici, che sono sicuramente da capogiro e che riflettono come politica e imprese sono lontani anni luce dai problemi economici e finanziari della maggioranza dei contribuenti italiani.

Di seguito pubblichiamo alcuni dei nomi di manager e amministratori delegati pubblicati nella lista del giornale berlusconiano e che sicuramente dovrebbero far gridare allo scandalo tanto quanto i privilegi della casta dei politici:

Paolo Scaroni (Eni): 4.420.000 euro annui, Pierfrancesco Guarguaglini (Finmeccanica): 2.475.000, Massimo Sarmi (Poste italiane): 1.205.327, Roberto Poli (Eni): 1.101.000, Paolo Garimberti (Rai): 448.000 e Gianni Petrucci (Coni): 128.000.






Tags:

Lascia una risposta