Strage di Sant’Anna di Stazzema archiviata per mancanza di prove

1 ottobre 2012 15:320 commenti

La notizia è destinata a far discutere e a provocare non poca indignazione. La Procura di Stoccarda ha archiviato l’inchiesta per la strage nazista di Sant’Anna di Stazzema, località della Toscana dove, il 12 agosto 1944 un gruppo di soldati tedeschi, appartenenti alla 16ma divisione corazzata “Reichsfuehrer SS” massacrarono 560 civili. La decisione della Procura è stata motivata dal fatto che in pratica non esistono prove documentali che possano testimoniare la responsabilità individuale dei 17 accusati che sono ancora in vita.

Fra loro c’è anche Gerhard Sommer, 91 anni, condannato nel 2005 all’ergastolo con altri altri 8 imputati dal tribunale di La Spezia e a cui la Germania ha rifiutato l’estradizione. La decisione della Procura di Stoccarda è destinata a suscitare scalpore anche considerando che è contraria a quanto è stato stabilito dai giudici italiani. Secondo la Procura di Stoccarda oggi non è più possibile stabilire il numero esatto delle vittime della strage visto che nella regione interessata si trovano numerosi altri rifugiati provenienti da altre zone. I giudici italiani, concordano invece nel fatto che il numero ufficiale delle vittime è 560, tra cui ci sarebbero stati anche 100 bambini.

Per accertare la strage, il Tribunale di Stoccarda avrebbe preteso l’emissione di un atto di accusa che comprovasse la partecipazione al reato di ogni singolo imputato: in pratica nella sentenza la Procura sottolinea che la semplice appartenenza di un militare alle unità delle Waffen-SS non sarebbe sufficiente a dimostrare l’effettiva colpa individuale  nell’esecuzione della strage di Sant’Anna di Stazzema.

Secondo gli inquirenti tedeschi resta impossibile accertare che la strage sia stata un atto programmato e un’azione di rappresaglia nei confronti della popolazione civile della località. Inoltre la Procura sostiene infatti che l’obiettivo delle truppe tedesche fosse la lotta ai partigiani presenti in zona e la rappresaglia contro i civili sarebbe stata decisa solo dopo il fallimento degli obiettivi iniziali.

Tags:

Lascia una risposta