Terra dei fuochi, resa pubblica la deposizione del pentito Schiavone

1 novembre 2013 20:260 commentiDi:

rifiuti-napoli

Ieri il Governo ha deciso di rendere pubblica la deposizione del pentito Schiavone del 1998 sulla terra dei fuochi, il territorio compreso tra le provincie di Napoli e Caserta che negli ultimi anni è stato il teatro di una catastrofe ambientale e umana ad opera della Camorra.

Per la prima volta un governo decide di rendere noto, di desecretare, come si dice in gergo, una testimonianza di un pentito raccolta da una Commissione di Inchiesta che l’aveva ritenuta top secret. Ma qui si parla della salute e della vita di migliaia di persone che stano lentamente morendo a causa dei rifiuti tossici nascosti nel terreno.


Il documento, drammaticamente profetico, riporta quanto dichiarato dal pentito Schiavone sui rifiuti scaricati e nascosti in queste terre: Tra vent’anni rischiano di morire tutti di cancro, queste le parole che colpiscono di questo documento (qui la versione integrale della deposizione) parole che si stanno trasformando in una durissima realtà. Nella terra dei fuochi sono stati sversati per anni rifiuti tossici, radioattivi e speciali, e gli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno ne stanno pagando ora le drammatiche conseguenze.

Tardi per rimediare, ma il fatto che sia stato reso noto questo documento è già un piccolo passo avanti nella lotta alla camorra.






Tags:

Lascia una risposta