Terremoto in Indonesia e allarme tsunami

11 aprile 2012 11:530 commenti

Intorno alle 10:38 ora italiana la Thailandia è tornata a vivere l’incubo del 26 dicembre 2004, quando ricordiamo un terremoto e un conseguente tsunami provocarono oltre 200.000 vittime. Il terremoto di stamani, di entità pari a 8,7 gradi della scala Richter, è stato registrato nell’Oceano Indiano  largo della costa occidentale di Sumatra, ovvero più o meno la stessa zona interessata dal violento terremoto del 2004.

Dopo il sisma è immediatamente scattato l’allarme tsunami. La Thailandia ha infatti ordinato alle popolazioni che vivono sulle coste del mar delle Andamane di abbandonare la costa e rifugiarsi in luoghi più sicuri, ovvero quelli quanto più vicini all’entroterra, è stato inoltre chiuso l’aeroporto di Phuket. Si teme l’arrivo di onde anomale alte fino a 6 metri anche in India e Sri Lanka, dove allo stesso modo è stato lanciato l’allarme, è stato chiuso il porto e alla popolazione è stato ordinato di abbandonare le coste. In particolare, l’India ha lanciato un allerta tsunami per le isole Andamane e Nicobar e per gli Stati del Tamil Nadu, Andhra Pradesh, Orissa e Kerala. La scossa è stata avvertita chiaramente anche a Bangalore, Bhubaneswar e Mumbai.

Il presidente indonesiano, Susilo Bambang Yudhoyono, ha cercato di rassicurare tutti affermando che sebbene l’allarme resti tutt’ora in vigore la popolazione ha raggiunto zone alte e sono già state inviate delle squadre di soccorso nella provincia di Banda Aceh.

La Farnesina ha fatto sapere che attraverso le unità di crisi sta verificando l’eventuale presenza di italiani nelle zone interessate dal sisma.

AGGIORNAMENTO: Poco dopo le 15:00 ora italiana l’allerta tsunami è stata revocata da Indonesia, India e Sri Lanka. La cancellazione dell’allarme è arrivata pochi minuti prima anche dal Pacific tsunami warning center del Noaa (National weather service), che ha revocato l’allarme in quanto la minaccia di onde anomali è diminuita o terminata per la maggioranza delle aree interessate.

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta