Home / News / Torrese 16enne arrestato: pistola al Racis e minorenne al Colli Aminei

Torrese 16enne arrestato: pistola al Racis e minorenne al Colli Aminei

I Carabinieri di Torre del Greco stanno cercando di capire quali fossero le intenzioni del ragazzo di 16 enni del posto che è stato fermato dopo un inseguimento nei vicoli della Torre Vecchia con una pistola calibro 7,65 che aveva già il colpo in canna. L’operazione che ha portato al fermo del giovane è stata del tutto casuale ed è avvenuta all’interno dell’area sottoposta al controllo camorristico del clan Gionta. Il minorenne è stato intercettato da una pattuglia ma non si è fermato all’alt ingaggiando un inseguimento con l’aliquota dei militari che ha visto la confluenza sul posto anche di altre pattuglie.

Dopo una folle corsa, lo scooter è stato costretto a fermarsi e il ragazzo è stato immobilizzato. Le sorprese sono arrivate proprio a questo punto. Si è infatti scoperto che quel ragazzo non poteva guidare lo scooter essendo sprovvisto di patente ma sopratutto quello che a prima vista poteva sembrare appena un ragazzino possedeva già una pistola pronta all’uso e con relative cartucce. L’arresto da parte dei militari è quindi scattato immediatamente. Il 16enne torrese è stato trasferito dalla autorità nel centro di prima accoglienza di viale dei Colli Aminei a Napoli a disposizione del magistrato di turno che è chiamato a fare piena luce su quello che è avvenuto.

L’arma che è stata sequestrata al minore si è scoperto essere stata rubata durante un furto avvenuto in zona ed è stata inviata al Racis che adesso dovrà fare piena luce sull’eventualità o meno che la pistola sia stata utilizzata in fatti di sangue. A rendere tutto molto misterioso è il fatto che il giovane sia completamente incensurato e assolutamente non noto per precedenti reati. Le indagini, quindi, non sono semplici. Le accuse contestate al minorenne sono detenzione e porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione.