Home / News / Tragedia in A14, schianto tra tir: morti 2 motociclisti di 72 e 66 anni

Tragedia in A14, schianto tra tir: morti 2 motociclisti di 72 e 66 anni

Due motociclisti morti e un camionista gravemente ferito. E’ il bilancio dell’incidente che, ieri mattina, ha trasformato in un inferno l’autostrada A14 nel tratto compreso tra i territori di Cupra Marittima e Campofilone. L’incidente, che ha creato una coda arrivata a toccare i quattro chilometri di lunghezza, si è verificato sulla corsia Nord intorno alle 11,30 quando nei pressi dell’area di servizio Piceno Est tra due autoarticolati si è verificato un terribile tamponamento costato la vita ai due motociclisti. Fernando Mearini di 66 anni di Quarrata in provincia di Pistoia e Valdo Salvi di 71 di Montemurlo in provincia di Prato, stavano procedendo lungo la corsia Nord in compagnia di un terzo centauro quando l’auto che viaggiava di fronte a loro, una Fiat 500 avrebbe rallentato bruscamente. Il gruppo di motociclisti ha frenato e la stessa cosa ha fatto il camion che li seguiva.

Dietro questo mezzo pesante c’era però un altro autoarticolato che non è riuscito a fermarsi ed ha colpito in pieno l’altro camion scaraventandolo in avanti. Il mezzo ha travolto i motociclisti uccidendo sul colpo i due toscani. Il terzo motociclista ha riportato soltanto lievi conseguenze. Grave, invece, il conducente dell’ultimo camion, M.M. di Montecassiano, nel Maceratese, 45 anni, per il quale si è reso necessario l’intervento dell’eliambulanza che lo ha trasportato d’urgenza al Torrette di Ancona.

Autostrada boccata

Il tratto di autostrada si è subito trasformato in un inferno. Sul posto sono stati chiamati vigili del fuoco, polizia autostradale, ambulanze e l’elicottero partito da Ancona. Per i due centauri non c’è stato nulla da fare mentre per il 45enne camionista che era alla guida del secondo mezzo pesante, si è reso necessario un intervento urgente dell’eliambulanza atterrata direttamente sulle corsie dell’autostrada. L’uomo, che ha riportato traumi e lesioni in più parti del corpo, è stato stabilizzato e caricato a bordo del velivolo che è decollato poco dopo dirigendosi verso il Torrette di Ancona.

Nel frattempo la coda delle auto dirette a Nord è arrivata a quasi quattro chilometri di lunghezza tanto che gli agenti della polizia autostradale di Porto San Giorgio hanno effettuato un bypass dirottando sull’altra corsia le auto dirette a Nord. Dopo circa due ore la viabilità è stata ripristinata e la situazione è lentamente tornata alla normalità. Al lavoro su quanto accaduto e per ricostruire con esattezza la dinamica dell’incidente, ci sono gli agenti della polizia autostradale che hanno già ascoltato il terzo motociclista sopravvissuto al terribile schianto e le altre persone coinvolte nell’incidente. E sempre agli agenti di polizia è toccato l’ingrato compito di avvisare i familiari dei due deceduti. Salvi era un pensionato, sposato e con la passione per il gioco delle bocce ma soprattutto della moto. Andava fiero della sua Bmw Rs in sella alla quale ieri ha trovato la morte. Mearini era un pasticcere notissimo, fondatore dell’omonima pasticceria dalla grande tradizione in tutta la provincia di Pistoia.

Loading...