Trapianto di fegato al 18enne in coma per ecstasy

30 novembre 2011 09:310 commentiDi:

Aveva voluto festeggiare il suo diciottesimo compleanno in discoteca, sabato, una serata a base di cocktail, musica e ragazze, ma è bastata una pasticca di ecstasy per trasformare quel memorabile party in un dramma, che per un soffio non gli ha rubato la vita.

Il giovane di Cattolica, dalla discoteca è stato trasferito direttamente nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Riccione, dopo che al pronto soccorso i medici avevano giudicato le sue condizioni “disperate”. 

Ma il ragazzo non si riprende dal coma, il suo fegato è ormai un organo completamente compromesso, viene quindi trasportato lunedì sera all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna, dove i medici decidono per il trapianto. 


Il caso passa nelle mani del professor Antonio Daniele Pinna, un’autorità nel campo dei trapianti, con l’ausilio della sua equipe. 

Al policlinico bolognese trascorrono ore disperate per salvare il 18enne, dopo poche ore si è trovato un donatore e i chirurghi sono stati in grado di intervenire rapidamente.  

Dopo otto ore di intervento ecco giungere il verdetto: “L’abbiamo preso per i capelli”. Il ragazzo è ora in terapia intensiva e i medici sono ottimisti.

Tuttavia, il direttore del Centro Nazionale Trapianti, Alessandro Nanni Costa,  ha voluto lanciare un messaggio ai giovani: “Ragazzi, state attenti. Può succedere che droghe prese per bocca distruggano il fegato. Non è un episodio frequente, ma neanche un caso isolato”. 

Ultimo aggiornamento 30 novembre 2011 ore 10,30






Tags:

Lascia una risposta