Uragano Irene tocca gli Stati Uniti

27 agosto 2011 16:190 commenti

L’uragano Irene è stato retrocesso in categoria 1 prima del suo arrivo in Carolina del Nord. Le autorità locali hanno ordinato l’evacuazione delle zone costiere per  precauzione.

È stato di allerta sulla costa Est degli Stati Uniti, dove 65 milioni di residenti e turisti sono sotto la minaccia del potente uragano Irene che, da questa mattina, ha perso d’intensità.

Irene è arrivato alle ore 8 locali (14 italiane) sulle coste della Carolina del Nord, vicino a Cape Lookout, e dovrebbe raggiungere domani, la Grande Mela,  New York.

Abbondanti precipitazioni e forti raffiche di vento si stanno abbattendo, dall’inizio della mattinata, a Kill Devils Hill, ad alcuni chilometri dall’occhio del ciclone. La città sembra diventata fantasma, gli abitanti si sono barricati presso le loro abitazioni, preventivamente protette con pannelli di legno.

Spaventate dalla catastrofe di Katrina nel 2005, le autorità temono importanti e seri danni su una zona densamente popolata  di oltre 1000 km, tra la Carolina del Nord e il Massachusetts.

“Tutto sta ad indicare che Irene sarà un uragano storico”, ha avvertito Barack Obama in un messaggio registrato dal suo luogo di vacanza sull’isola di Martha’s Vineyard, il quale ha già anticipato il suo rientro a Washington, ieri sera.

Irene costeggerà la costa Est per poi proseguire il suo viaggio verso Washington, New York e Boston. Dalla  Carolina del Nord fino al Massachussetts, le autorità hanno decretato lo stato di emergenza e migliaia di persone hanno ricevuto l’ordine di allontanarsi dalle coste. A Baltimora sono state distribuite sacche colme di sabbia agli abitanti, per realizzare dighe di fortuna. A New York, il sindaco Michael Bloomberg ha esortato i cittadini che vivono nelle zone più a rischio ad abbandonare le loro case.

Sei anni dopo Katrina, Irene è la prima grande prova  per il Federal Emergency Management Agency, le cui capacità di risposta avevano raggiunto il loro limite a New Orleans. L’agenzia si è completamente riorganizzata dal 2005;  la sua gestione dei tornado devastatori nel sud del paese è stata giudicata molto efficace, quest’anno per le autorità locali. Ma ha dovuto subire alcuni tagli di bilancio, ciò potrebbe ridurre le sue capacità di previsione dei cicloni a lungo termine.

Articolo correlato: Uragano Irene evacuazione per 250mila newyorchesi

Ultimo aggiornamento 27 agosto 2011 ore 18,20

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta