Home / News / Uragano Tomas allarga epidemia colera ad Haiti

Uragano Tomas allarga epidemia colera ad Haiti

La peste è arrivata, ieri, anche nella capitale, Port-au-Prince. Ha già ucciso 583 persone.

L’odore è sempre lo stesso, un miscuglio di escrementi e di cloro, che guida verso l’ospedale di Mirebalais, l’unità di trattamento del colera, dove corpi deperiti e contorti si ammassano in uno spazio ridotto.

L’epidemia di colera che sta colpendo l’intera Haiti, ha  letteralmente svuotato le sue vittime dalla loro dignità.

Qui, nel nosocomio, le persone indossano pannoloni e allettate su tavole di legno con fori, al fine di far fuoriuscire le feci, facilitando quindi,  il compito agli infermieri.

Un uomo anziano è costretto a letto, legato alle caviglie e ai polsi, per impedirgli di alzarsi, ma ormai, è troppo debole per muoversi.

Poco dopo la comparsa dei primi casi di colera ad Haiti , i detenuti di un  penitenziario si sono ammalati in massa, portando le autorità mediche ad una presa di coscienza dell’ampiezza del disastro: l’infezione preannunciava un’epidemia rapida in tutti quei comuni che sorgono lungo il più importante fiume di Haiti, l’Artibonite.

La risposta delle organizzazioni umanitarie e delle salute è stata rapida. I medici stranieri, abituati a trattare il colera in Africa e in Asia, hanno trasmesso la loro conoscenza ai gruppi haitiani. Tonnellate di soluzioni per la reidratazione orale, bottiglie di acqua, sapone e cloro sono state consegnate con estrema urgenza.

Occorre dire che dopo il disastroso sisma che ha colpito Haiti, era prevedibile una tale epidemia. Le condizioni sanitarie deplorevoli, la mancanza di misure igieniche, i serbatoi d’acqua, la maggior parte delle cisterne d’acqua ad Haiti, non è trattata col cloro, il tutto aggravato da 1,5 milioni di rifugiati che vivono nei campi, hanno reso Haiti, una terra fertile alla propagazione rapida di una malattia contagiosa.

E Tomas, l’uragano, ha contribuito al diffondersi di questa temibile malattia: Ha inondato città già toccate dal colera come Gonaives e Grande Saline, quindi le acque sporche della fogne si sono unite a quelle dei fiumi e dei serbatoi di acqua “potabile”.

L’epidemia è pronta ad estendersi anche a nord, fino a Gros-Morne et Port-de-Paix, le autorità allarmano, il colera sarà presto endemico in tutta Haiti. Ora si tratta di limitarne i decessi e abituare gli haitiani a conformi pratiche d’igiene.