Home / News / Ventimiglia ucciso a calci e pugni per aver difeso suo figlio

Ventimiglia ucciso a calci e pugni per aver difeso suo figlio

Sono ufficialmente in stato d’arresto per omicidio preterintenzionale quattro giovani di nazionalità rumena, responsabili della morte di Walter Allavena, un idraulico di 53 anni.

Da una prima ricostruzione dei fatti, i quattro rumeni  si trovavano in un’osteria di Torri, frazione di Ventimiglia (Imperia), quando c’è stato uno scambio di battute con alcuni ragazzi italiani del piccolo borgo, ma alla fine la discussione è degenerata tramutandosi in rissa.

Tra il gruppo degli italiani era presente anche Paolo Allavena di 22 anni, le urla scaturite avrebbero richiamato l’attenzione del padre di Paolo, che in tutta fretta sarebbe sceso in strada per prendere le difese del figlo ed evitare il peggio.

Ma da parte loro,  i quattro rumeni avrebbero iniziato ad accanirsi contro Walter Allavena,  colpendolo a calci e a pugni fino al punto di ucciderlo.

Sul posto sono giunti a breve polizia e carabinieri, ma Walter Allavena, giaceva ormai a terra senza vita.

I fermati sono Ciprian Marius Meuret (32 anni),  Bordano Andrei Mihut (23), Aredelean Mihai (19) e Sebastian Aureliano Mereut (37),  tutti e quattro sono  residenti nella zona di Ventimiglia.