Vigile urbano ucciso da Suv

13 gennaio 2012 07:540 commenti

Ieri sera intorno alle 18 un vigile urbano di Milano è morto dopo essere stato investito da una Bmw X5 nera. Secondo le prime testimonianze, Niccolò Savarino aveva tentato di fermare l’auto perché il conducente aveva travolto con noncuranza un nomade, che stava passeggiando in zona Bovisa, vicino al suo campo. Il proprietario dell’autovettura non ha avuto nessuna pietà e quando il vigile si è messo davanti al Suv con la sua bicicletta, l’ha travolto e poi trascinato per oltre 200 metri sotto lo sguardo impotente di molti passanti. Il vigile 42enne dopo il terribile impatto è stato immediatamente trasportato all’Ospedale Niguarda, ma purtroppo durante il tragitto ha perso la vita.


Tullio Mastrangelo, il comandante dei vigili urbani di Milano, ha definito la vicenda una vera e propria tragedia ma anche i colleghi si dicono interdetti per il grado di violenza raggiunto in strada, tanto che a sentire i loro racconti diventano sempre più spesso vittime di aggressioni.

In ospedale sono giunti anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, e l’ex vicesindaco Riccardo De Corato che hanno voluto porgere personalmente le condoglianze alla compagna del vigile ucciso, passare qualche istante con lei nella stanza in cui era stata collocata la salma di Savarino. All’uscita dall’ospedale i due politici hanno detto che si farà tutto il necessario per trovare l’artefice del delitto e che in Italia è necessario garantire la certezza della pena, soprattutto quando si verificano tragedie come queste. Vista la situazione, i colleghi del vigile scomparso hanno chiesto a tutti vigili della Lombardia di portare un segno di lutto sui mezzi di servizio o sulle divise per ricordare il collega barbaramente ucciso a Milano.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta