Vittime della pedofilia denunciano Papa Benedetto XVI alla Corte Penale dell’Aja

13 settembre 2011 19:240 commentiDi:

Vittime di preti pedofili hanno depositato un ricorso davanti alla Corte Penale Internazionale dell’Aja contro il papa e altri responsabili della chiesa cattolica per “crimini contro l’umanità”, ad annunciarlo, oggi 13 settembre, l’associazione Survivors Network of those Abused by Priests (SNAP).

Funzionari di questa associazione, che seguono le ex vittime, hanno presentato una “richiesta di dichiarazione di competenza giurisdizionale” al CPI, secondo un comunicato, con la quale accusano gli alti responsabili del Vaticano di “aver tollerato e coperto sistematicamente, stupri e crimini sessuali contro i bambini nel mondo intero”.

Oltre al papa, sull’elenco di SNAP si aggiungono tre cardinali che esercitano o hanno esercitato funzioni di responsabilità alla Curia:  il segretario di Stato e Numero due della Santa Sede, Tarcisio Bertone, il suo predecessore, Angelo Sodano ed il prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, l’americano William Levada. Interrogato sull’argomento, il portavoce del Vaticano, padre Federico Lombardi, non ha voluto fare commenti.

I membri di SNAP, provenienti dalla Germania,  Stati Uniti, Paesi Bassi e dal Belgio,  quattro paesi maggiormente toccati dallo scandalo della pedofilia nella chiesa, sono ricorsi al tribunale dell’Aja per chiedere la condanna di questi crimini contro l’umanità, ritenendo molto alta la responsabilità del papa e delle tre alte cariche della chiesa cattolica “in quanto diretti superiori gerarchici.”

“I crimini contro decine di migliaia di vittime, soprattutto bambini, sono stati insabbiati dai responsabili fino al più alto funzionario del Vaticano”, ha annunciato l’avvocato del CCR, Pamela Spees, citato dal comunicato di SNAP.

Nel passato, vescovi e in altri casi, il Vaticano, hanno trascurato o addirittura ignorato le numerose lamentele che arrivavano dalle vittime di preti e religiosi pedofili, trasferendo o proteggendo i colpevoli.

Lo scandalo ha screditato la chiesa in tutta Europa, anche se preti criminali erano solo una piccola minoranza. Papa Benedetto XVI aveva espresso la sua vergogna e chiesto perdono, manifestando “tolleranza zero per i pedofili”, e aveva chiesto ai vescovi del mondo intero, responsabili in primis sul loro prelato, una piena collaborazione ricorrendo  alla giustizia penale.

Articolo correlato: Appello del Papa

Ultimo aggiornamento 13 settembre 2011, ore 21,20

Tags:

Lascia una risposta