Yara Gambirasio, uccisa davanti al cancello?

25 gennaio 2012 08:091 commento

Qualche giorno fa gli inquirenti pensavano di aver trovato la pista giusta per risolvere finalmente il caso di Yara Gambirasio, la 13enne uccisa il 26 novembre scorso a Brembate di Sopra, ma purtroppo si sbagliavano perché la donna residente in Ciociaria non c’entrava nulla con la giovane ginnasta e si trovava a centinaia di chilometri dal paesino bergamasco.

A distanza di settimane le forze dell’ordine decidono di riesumare la telefonata fatta da Mohamed Fikri alla fidanzata, nella quale ripeteva tra le lacrime:”L’hanno ammazzata davanti al cancello” , la ragazza in quell’occasione avrebbe risposto:”Cosa devi farti perdonare se non hai fatto niente di male?” facendo intuire che il giovane marocchino è in qualche modo implicato nella scomparsa della piccola ginnasta.


La notizia è stata riportata da Oggi, dove sono stati svelati anche altri particolari della vicenda legati al presunto coinvolgimento del muratore nell’omicidio. Nell’articolo si fa riferimento all’improvvisa fuga in Marocco quando le indagini si erano concentrate sul cantiere di Mapello e sull’automobile di Fikri consegnata dal comandante del traghetto ai Ris di Parma, per farla analizzare con la speranza di trovare eventuali tracce ematiche. Purtroppo il Pm Ruggieri non ritenne opportune eventuali ricostruzioni e decise di riconsegnare il veicolo al giovane, ma nessuno sa che fine ha fatto il furgone bianco imbarcato da Fikri e da alcuni amici sullo stesso traghetto.






Tags:

1 commento

  • Siamo in Italia!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ci sono più casi irrisolti che ‘casi’.

Lascia una risposta