Alcuni senatori vogliono ristabilire il fascismo

Un disegno di legge che prevede la soppressione dell’interdizione di “riorganizzare sotto qualunque forma il partito fascista” è stato depositato al Senato,  da alcuni senatori della destra.

Alcuni senatori del Popolo della Libertà vogliono abrogare dalla Costituzione Italiana la XII norma transitoria e finale della Costituzione e cioé la norma che vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”.

Il ddl è stato presentato al Senato lo scorso 29 marzo dal senatore del Pdl Cristano De Eccher (Pdl), co-firmatari i senatori del Pdl Fabrizio Di Stefano, Francesco Bevilacqua, Giorgio Bornacin, Achille Totaro e il senatore Fli Egidio Digilio.

“Trovo molto grave ed offensivo per la storia del paese e della Repubblica e per la nostra democrazia che il PDL voglia abolire, attraverso un disegno di legge, l’apologia del fascismo” reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645, ha dichiarato Anna Finocchiaro, del Partito Democratico.

Anche il presidente del senato, Renato Schifani, del  PDL si è detto “esterrefatto”, dopo che è venuto a conoscenza della presentazione del ddl costituzionale che, nel caso in cui diventasse legge dello Stato, non porrebbe più divieti alla “riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *