Home / Politica italiana / Berlusconi: cerca manager per Roma e esperti della rete contro 5Stelle

Berlusconi: cerca manager per Roma e esperti della rete contro 5Stelle

Silvio Berlusconi ha affermato di aver scoperto che il reddito di cittadinanza, bandiera del Movimento 5 Stelle, verrebbe finanziato introducendo una forte tassa di successione che arriverebbe ad essere pari al 50%. In pratica, ha dichiarato il leader di Forza Italia, i 5 Stelle sono intenzionati a prelevare metà della successione del privato a favore dello Stato. Questa scoperta ha portato alla disperazione Berlusconi che, non a caso, ha deciso anche per questo di restare in campo e soprattutto esporsi in prima linea nella imminenti elezioni amministrative che si terranno, tra le altre città, anche nelle cruciali Roma e Milano.

L’imperativo del leader di Forza Italia è quello di presentare una compagine di centro destra che sappia esprimere un candidato sindaco vincente e in grado di avere l’appoggio di tutta la coalizione. Si sono fatti, a riguardo, i nomi di Lotito per Roma e Cairo per Milano ma si tratterebbe di voci infondate.  Quello che è certo è che servano due supercandidati perchè l’alternativa è una batosta senza precedenti.

Berlusconi, infatti, è convinto che il centrodestra possa arrivare al 42% ma i suoi più stretti collaboratori sono invece persuasi del fatto che se Forza Italia non riesce a riunire Lega e Fratelli d’Italia allora il rischio è che il partito azzurro si attesti su un terribile +10% che sarebbe praticamente la fine dell’esperienza politica. Alcuni quadri di FI suggeriscono l’idea di smobilitare e ritirarsi dalla politica ma Berlusconi non è dello stesso avviso e intende giocare il tutto per tutto andando anche a colmare il gap che sussiste con gli altri partiti. Servono giovani che sappiano usare la rete ha affermato, tra gli altri punti, Silvio Berlusconi.

Il nervosismo intanto cresce con il leader di Forza Italia che parla della necessità di mettere in campo qualsiasi risorsa per bloccare i 5 Stelle che troverebbero nella sfiducia verso la politica la strada per prendere il potere. A Roma, serve un candidato manager che sappia mettere apposto l’amministrazione.