Berlusconi parlerà alla Camera ma l’opposizione non l’ascolterà

13 ottobre 2011 07:590 commenti

Oggi alla Camera, alle ore 11 circa, il Presidente del Consiglio chiederà un nuovo voto di fiducia, già previsto per venerdì, Silvio Berlusconi ha la certezza di poter dare al capo dello Stato “una risposta credibile” per far capire che “la maggioranza è in grado di operare”.  

Una conferma al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che aveva chiesto al premier di garantire se gli attuali gruppi parlamentari che sostengono il governo siano in grado di “adempiere” ad impegni “imprescindibili come l’insieme delle decisioni di bilancio”. 

Tuttavia, oggi, a Montecitorio, il Capo di Governo si troverà a parlare solo dinanzi alla sua maggioranza, vista la decisione dell’opposizione di disertare l’emiciclo durante il discorso di Berlusconi, ma di presenziare in aula solo per votare. 

“Per noi l’unica soluzione sono le dimissioni di Berlusconi”, ha detto Pier Luigi Bersani, a cui ha fatto seguito Pier Ferdinando Casini, che ha invitato il Cavaliere a fare un passo indietro: “Quando a Goria e ad Andreotti capitò la stessa fattispecie andarono al Quirinale a presentare le dimissioni”. 

Napolitano, ieri, in un comunicato ha manifestato la sua “preoccupazione” per  “l’innegabile manifestarsi di acute tensioni in seno al governo e alla coalizione, con le conseguenti incertezze nell’adozione di decisioni”.

Articolo correlato: Berlusconi verso il voto di fiducia 

Ultimo aggiornamento 13 ottobre 2011 ore 09,55

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta