Berlusconi propone governissimo

26 febbraio 2013 18:290 commenti

Già dalle prime ore del mattino sono iniziate le manovre per cercare di stringere intese finalizzate alla creazione di un possibile governo. Il primo a fare la sua proposta è stato Silvio Berlusconi. Il leader del Pdl ha aperto a una grande coalizione, affermando che “Tutti con grande responsabilità dovremmo riflettere. Al momento l’Italia non può non essere governata”.

Immediata la risposta del Pd, che dice ‘No’ alla proposta del Centrodestra, dichiarando di essere al lavoro per un progetto di governo che si rivolge a tutto il parlamento ma in primo battua al Movimento Cinque stelle di Beppe Grillo. Così Anna Finocchiaro: “Diciamo no ad un governo Pd-Pdl. Occorre un governo per il cambiamento. Cercheremo in Parlamento una maggioranza per effettuare le riforme”.

Nichi Vendola fa eco alla Finocchiaro, affermando che “Grillo è il vero vincitore delle elezioni. Non basteranno alleanze posticce.


E Grillo? Cosa ne pensa? Il leader del M5S va cauto: “Noi non siamo contro tutti. Valuteremo riforma per riforma, legge su legge. Se ci saranno proposte in grado di rientrare nel nostro programma, le valuteremo”.

Poi, Grillo aggiunge che si recherà in prima persona alle consultazioni con Napolitano e fa un nome per il Quirinale: “Mi piacerebbe Dario Fo”.

Il risveglio degli italiani dopo il caos creato dallo spoglio di ieri è drammatico.  Situazione poco equilibrata alla Camera e nessuna maggioranza al Senato. La fine dello spoglio ha confermato ciò che le proiezioni davano per scontato ormai dal pomeriggio di lunedì.

Non vi è al momento la possibilità di un governo stabile, data la confusione di Palazzo Madama.

Il centrosinistra ha 120 senatori, il centrodestra 117, il boom di Grillo garantisce 54 eletti al Movimento 5 Stelle, i centristi di Scelta civica per Monti sarebbero 18. Poco cambia se si aggiungono a questo conteggio 6 senatori eletti all’estero e 4 senatori a vita (tra i quali c’è Monti), che diventeranno 5 quando scadrà il mandato di Napolitano che ha prenotato uno scranno dedicato agli ex presidenti.






Tags:

Lascia una risposta