Bossi infama Brunetta Nano non rompere i c…

16 agosto 2011 07:520 commentiDi:

A Ponte di Legno nel corso del comizio di ferragosto della Lega Nord, il leader del Carroccio, Umberto Bossi  ha raccontato in sintesi il colorito scontro avuto col ministro Brunetta, durante l’ultimo Consiglio dei Ministri in merito alla manovra “antideficit”. 

Sull’argomento pensioni, che la Lega ha promesso di difendere, il Senatur spiega che al ministro per la Funzione Pubblica, Brunetta, sarebbe giunta una telefonata da Bankitalia nel corso della quale gli sarebbe stato chiesto di provvedere anche ai tagli sulle pensioni, dal canto suo Bossi si è imbestialito: “Abbiamo litigato tutto il giorno – riferisce –  Prima del Consiglio dei ministri e durante il Consiglio. Col ministro Brunetta per poco non passiamo alle vie di fatto. Brunetta, nano di Venezia, non romperci i coglioni“.


Il leader della Lega davanti alla folla si è detto “sollevato” per essere riuscito a non far toccare le pensioni, “ad un certo punto pensavo di non farcela e non mi faccio illusioni, perché Bankitalia e Bce ci chiederanno ancora di tagliare le pensioni, ma la Lega non molla”. 

Il ministro leghista si dichiara favorevole con la proposta di Roberto Maroni, di tendere all’azzeramento dei tagli agli enti locali nella manovra, “mi sembra giusta – dice Bossi – ma non al punto di attirare le ire della Bce, che ci deve comprare ancora i titoli di Stato”. Bossi ha inoltre ricordato che per gli enti locali “è stato anticipato il federalismo fiscale”. In ogni caso “Dobbiamo salvare gli enti locali, ma non a costo di affamare la gente. Agli enti locali ci pensiamo in un secondo momento”. Ha sottolineato Bossi.

Il leader del Carroccio ha concluso, quindi, il suo dibattito con una battuta: “C’è anche gente nostra (probabilmente della Lega) che ragiona come i terroni, che pensano che lo Stato debba dare qualcosa. Ma lo Stato non ci deve dare niente, è sufficiente che ci dia la libertà e poi ce la facciamo con le nostre capacità. L’assistenzialismo è una rovina sempre, non va bene né al Nord né al Sud”.

 

Ultimo aggiornamento 16 agosto 2011 ore 09,50

 






Tags:

Lascia una risposta