Bossi referendum per la Padania libera

18 settembre 2011 13:110 commenti

“Ma come si fa a stare in un Paese che sta addirittura perdendo democrazia? Il fascismo è ritornato con altri nomi e facce”. Il leader del Carroccio alla Festa dei Popoli Padani a Venezia, ripropone il tema della secessione.

Umberto Bossi per prima cosa se la prende con i giornalisti: “sono dei grandissimi stronzi. Sono degli Iago. Raccontano bugie. Attaccano la mia famiglia perché non possono attaccare me. Sono dei disgraziati”, alludendo alle polemiche scatenate da un articolo pubblicato su Panorama.

”Bisogna trovare una via democratica, forse referendaria, perchè un popolo importante e lavoratore come il nostro, non puo’ essere costretto a continuare a mantenere l’Italia”. Afferma il Senatur dal palco della Lega a Venezia.

”La gente non ne può piu’, ma io sono per trovare la via democratica, fate bene i conti. In Padania ci sono milioni di persone pronte a combattere”. Afferma duramente Umberto Bossi.


Dopo le polemiche che invadono le testate giornalistiche, gli animi leghisti si sono ulteriormente riscaldati. Calderoli dice: “ci hanno spaccato i coglioni i giornalisti che continuano a scrivere che nella Lega ci sono le divisioni”. E Maroni lo appoggia fermamente: “Voglio ringraziare oggi il ministro Calderoli: leggo spesso sui giornali che io sono contro di lui e lui contro di me. Sono tutte balle, non leggeteli! Lo ringrazio perchè è un grande lavoratore; non ho mai visto uno che lavora tanto come lui anche di notte. Andare avanti è difficile ma per noi il governo non è un mezzo ma un fine per combattere la nostra battaglia sul federalismo, ci saremo finchè ce lo dirà Umberto Bossi. Quello è che mentre noi ci danniamo l’anima, la politica romana si occupa di complotti di palazzo e di gettare fango. Questo mondo non ci appartiene”. Ha concluso Maroni.

Umberto Bossi poi ha lasciato il palco della festa dei Popoli Padani dopo il classico rito dell’ampolla: l’acqua del Po prelevata alle sorgenti per poi ricongiungerla alla Laguna di Venezia.

Ultimo aggiornamento 18 settembre 2011, ore 15,10






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta