Cessione beni pubblici annunciata da Monti

14 giugno 2012 08:520 commenti

Per risollevare i conti del Paese il governo procederà ben presto alla dismissione di beni pubblici. Ad annunciarlo è stato il premier Mario Monti nel corso della conferenza stampa tenuta ieri a Berlino dopo il ritiro del premio “Responsible Leadership Award 2012”, spiegando che non solo non si esclude la cessione di quote dell’attivo pubblico ma la si sta già preparando e presto si passerà alle azioni concrete.

La dismissione dei beni pubblici accompagnerà i tagli alla spending review, che stando alle prime stime dovrebbero ammontare complessivamente a cinque miliardi nel 2012 e ad altri nove miliardi nel 2013.  Nel corso del suo intervento, inoltre, il premier si è detto convinto che l’economia italiana si riprenderà nel 2013 se il Paese proseguirà sulla strada del consolidamento fiscale e delle riforme strutturali.

NOVITÀ RIFORMA FISCALE GOVERNO MONTI

Monti ha poi tranquillizzato gli italiani affermando che, almeno per quest’anno, non sarà necessaria una nuova manovra, anche se l’azione di disciplina sui conti pubblici dovrà comunque procedere. Infine, con riferimento al mondo del lavoro, il “professore” ha sottolineato che il problema dell’Italia è l’esistenza di un sistema che protegge eccessivamente gli occupati e non protegge affatto i giovani e i non occupati. Per questo motivo il governo, attraverso le sue azioni, cercherà soprattutto di tutelare i giovani, che non sono rappresentati né da sindacati né da altri gruppi e che lottano quotidianamente per trovare lavoro.

LEGGE SALVA FAMIGLIE PER I FALLIMENTI INDIVIDUALI

Parole di apprezzamento verso l’operato di Monti sono state pronunciate dal ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schauble, secondo cui Monti è il leader giusto nel posto giusto e le sue riforme gioveranno non solo all’Italia ma all’Europa intera.

Tags:

Lascia una risposta