Eliminazione beauty contest annunciata dal governo

10 aprile 2012 08:420 commenti

Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, nel corso di un’intervista rilasciata a La Repubblica ha annunciato l’eliminazione del beauty contest e di conseguenza la fine della pratica fissata dal precedente governo che prevedeva l’assegnazione gratuita delle frequenze alle televisioni. La nuova procedura, ha spiegato Passera, prevede una vendita pubblica nel corso della quale verranno messi all’asta pacchetti di frequenze con durate diverse.

Per ora la proposta del governo prevede che la banda larga 700, ovvero la rete super veloce che senza dubbio è la più ambita soprattutto per coloro che operano sul web, venga assegnata per un periodo di 3 anni, ovvero da qui al 2015, data a partire dalla quale una commissione dell’Onu ha previsto lo spostamento di reti dalle tv all’accesso a Internet. Il resto dei canali potrà invece essere assegnato per un periodo più lungo.

TESTO RIFORMA DEL LAVORO

Tuttavia, come anticipato, si tratta solo di una proposta, dal momento che la decisione presa dal governo in merito alle modalità di assegnazione delle frequenze deve ora passare al vaglio della commissione europea e all’esame dei partiti di maggioranza. Per quanto riguarda i tempi e le modalità delle eventuali aste, qualora la proposta verrà approvata sarà l’Agcom a stabilirli.

LEGGE SALVA FAMIGLIE PER I FALLIMENTI INDIVIDUALI

Secondo quanto riportato dal Il Sole 24 ore, tuttavia, coloro che partecipano al beauty contest minacciano di impugnare davanti al Tar del Lazio i provvedimenti amministrativi che saranno previsti da un decreto, qualora dovessero essere varati prima della sua conversione in legge, dal momento che ciascuno di loro ha versato un deposito cauzionale per un importo pari a 2,5 milioni di euro, nonché assunto impegni fidejussori con le banche per un importo pari al 10% dell’investimento.

Tags:

Lascia una risposta