Emma Bonino, la sua battaglia più difficile: inizio la chemio

Emma Bonino dovrà seguire un trattamento di chemio della durata di almeno sei mesi: l’ex ministro ha un tumore ai polmoni. E’ stata lei stesso a dirlo nel corso di un’intervista radiofonica per spiegare il motivo del suo impegno meno costante. Per fortuna si tratta di una forma localizzata anche se il trattamento si prospetta come decisamente lungo. Una lunga sfida attende quindi la leader radicale, paladina di tante battaglie per in diritti dell’uomo (anche quando sostenere determinate battaglie significava in primis avere davvero tanto coraggio).

Confermando ancora una volta il suo forte temperamento ha rassicurato gli elettori radicali precisando che la malattia non la terrà del tutto lontana dalla scena politica anche se, ovviamente, potrebbe essere necessario modificare i suoi impegni adattandoli alle scadenze delle cure che in questo momento sono, come è giusto o che sia, la sua priorità. Nel suo discorso ci sono anche alcune parole di ringraziamento per chi le è stato vicino in questa difficile notizia da digerire e in particolare per i suoi fidati collaboratori. Ma c’è anche un invito ai giornalisti, affinché la notizia della sua malattia venga trattata con il giusto rispetto per la sua privacy vista la delicatezza del caso. E così è giusto fare augurando ad Emma Bonino una pronta guarigione e sperando che la sua tenacia possa essere di esempio per tante altre persone che purtroppo sono nella sua stessa condizione ma non possono contare sulla sua forza. Il tumore ai polmoni è una forma molto aggressiva di cancro che colpisce prevalentemente gli uomini over 70 anni ma che di recente, in seguito al cambiamento degli stili di vita, sta facendo numerose vittime anche tra le donne. Lei stessa si è rivolta a chi come lei deve affrontare la malattia e la chemio facendo una riflessione sulla difficoltà di questo cattivo e sulla necessità di essere forti. Emma Bonino è abituata alle battaglie e ancora una volta lo dimostra meritandosi un applauso che va oltre le convinzioni politiche.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *