Home / Politica italiana / Fuori dalle risate: il video 5 stelle contro l’Euro suscita ironia sul web

Fuori dalle risate: il video 5 stelle contro l’Euro suscita ironia sul web

Condivisioni ma anche tanta ironia e qualche polemica per il video dello spot con cui il Movimento 5 Stelle grida agli italiani “fuori dall’euro” ricordando come si stesse meglio nel nostro Paese ai tempi della lira. Nel filmato vediamo prima di tutto un giovane che ricorda nostalgicamente come con 12 mila lire si potesse portare a cena fuori la fidanzata e con 5 mila lire si potesse comprare un libro. Un tempo, prima dell’avvento dell’era Euro e soprattutto di come in Italia è stato gestito il passaggio alla moneta unica (tutti se lo ricorda).

Tempi passat e ormai lontanii: cosa si fa oggi con sei euro? Il paragone mette a confronto la dura realtà di oggi con quella antecedente alla moneta unica. Dopo questa scena interviene la capogruppo del M5S al Senato, Paola Taverna, che trasforma magicamente la contestata moneta da un euro in una banconota delle vecchie 1000 lire e dice con ottimismo: “Uscire dall’euro è possibile, ma abbiamo bisogno del tuo aiuto! Fai girare questo video e firma anche tu”.

Lo scopo dello spot anti euro è appunto quello di raccogliere firme per presentare una proposta di legge in Parlamento. Più di 7 mila le condivisioni in rete. Al momento però ha raccolto anche ironia. Tra gli oppositori infatti in molti non perdonano al M5S di aver proposto tra la rosa dei candidati alla presidenza della Repubblica Romano Prodi, proprio lui che ha spinto per l’ingresso dell’Italia nell’Euro. Con vignette e battute ironiche si sottolinea questo controsenso.

La musica di sottofondo è invece di Ludovico Einaudi, il quale ha fatto prontamente sapere in piena polemica con i grillini di non aver concesso alcun diritto per la musica dello spot al movimento per la propaganda politica. Solo contando le firme ottenute sapremo se quella del Movimento 5 Stelle con questo spot è stata una mossa azzeccata e politicamente strategica, ironia e polemiche a parte.

VECCHIE LIRE, SI POSSONO ANCORA CAMBIARE?