Gli scontenti del Pdl al ritorno di Berlusconi

10 dicembre 2012 15:440 commentiDi:

 

 

Il Pdl è sempre in crisi. Una crisi di identità fatta di tante voci scontente che però non sembrano avere molte opzioni davanti a loro. Dopo che sono saltate le primarie del Pdl e arrivata la ridiscesa in campo di Berlusconi e la linea e quindi di questa.

Il ritorno di Berlusconi divide il Pdl

Le primarie del Pd che hanno visto la vittoria di Bersani hanno portato Berlusconi ha elaborare la sua strategia. Tornare in campo e dividere i cittadini tra chi lo ama e chi lo rigetta.. il cavaliere si è mostrato sicuro e ha affermato: “Sarà un referendum tra me e Bersani, per gli altri non c’è più alcuno spazio, non esistono”.

Bersani vince le primarie


Vedremo se il centro di Casini e Montezemolo saprà organizzarsi creando una alternativa e se il Movimento 5 Stelle di Grillo sarà capace di prendere molti voti. E poi c’è da vedere se Monti torna in campo, magari mettendo insieme i voti del centro.

Intanto per Berlusconi la campagna elettorale è iniziata. Il Pdl voterà quasi sicuramente la Legge di stabilità e poi Monti si dimetterà. Quando si voterà? Ancora non si sa. Scandalosa nazione l’Italia. Non si sappiamo con quale legge elettorale quando si voterà.

Ora si aspettano le Borse per vedere come reagiscono i mercati internazionali. All’estero c’è sfiducia verso Berlusconi e il suo ritorno in campo potrebbe essere poco apprezzato dai mercati.

Tra quelli che, all’interno del Pdl, non sono contenti che il cavaliere sia tornato in campo ci sono quelli di Cl. Alemanno, Fitto e Formigoni hanno motivi diversi per non essere d’accordo con questa scelta e si trovano accomunati. Lupi invece lavora per tenere insieme il gruppo.

 

 






Tags:

Lascia una risposta