Governo in bilico premier decida subito

5 novembre 2011 11:320 commentiDi:

Un vertice tormentato questa notte a Palazzo Grazioli per fare il punto sui numeri a disposizione della maggioranza alla Camera.

Silvio Berlusconi è stato raggiunto da Verdini, Letta e Alfano. La coalizione avrebbe una maggioranza risicata, ora, dopo l’uscita dei due  deputati Pdl – Bonciani e D’Ippolito – passati all’Udc e il governo alla Camera arriva a quota 314 voti. Ma con il passare del tempo esiste il rischio di perdere altri pezzi, è ciò che afferma Verdini ai presenti.

In sostanza, esiste la possibilità di andare sotto, o comunque non avere una maggioranza autosufficiente, alla prima votazione importante sulle misure anticrisi.


Da qui un invito alla prudenza sarebbe stato rivolto al premier in vista delle prossime mosse in Parlamento e sul tentativo di recuperare altri consensi e mantenere l’asticella almeno a quota 316.

Per il momento i numeri ci sono – precisa il coordinatore del partito – ma sono risicati e, vista la situazione, potrebbero diventare un problema serio, con un forte rischio domino tra gli scontenti. Quindi occorre una riflessione attenta su come procedere.

Il premier ha ascoltato con attenzione e avrebbe ribadito la volontà di andare avanti.

“Non vi preoccupate – ribadisce rivolgendosi ai suoi interlocutori – parlo io con gli scontenti e cerco di convincerli ad uno ad uno”.

Ora il Cavaliere ha solo settantadue ore per prendere una decisione. Cioé prima che la Camera sia chiamata a votare il rendiconto generale dello Stato nella convinzione che questo provvedimento non possa passare grazie solo al gioco delle astensioni con una maggioranza numerica ridotta all’osso.

Ultimo aggiornamento 05 novembre 2011 ore 12,32






Tags:

Lascia una risposta