Governo Monti Lega e Di Pietro dicono No

10 novembre 2011 14:250 commenti

“Non è cambiato niente, se danno l’incarico per un governo tecnico noi stiamo all’opposizione”. Tuona il  ministro leghista Roberto Calderoli, in occasione di un incontro con Bossi e Tremonti. 

L’ipotesi di un prossimo governo tecnico diretto da Mario Monti, nominato Senatore a vita dal capo di Stato, Giorgio Napolitano, si fa sempre più strada. E questo sta provocando spaccature anche all’interno della maggioranza, Pdl-Lega.


“Deve esserci un momento elettorale in cui ciascuno presenta un programma e sulla base di questo le persone vengono elette. Un primo ministro tecnico non viene scelto sulla base di un programma, la gente deve votare, non esistono i nominati: servono programmi e contenuti”.  In ogni caso conferma che la Lega voterà il maxiemendamento, “l’abbiamo fatto noi”. Ha aggiunto il ministro delle semplificazioni, Calderoli. 

Per Fini, Monti sarebbe la personalità giusta, mentre  Frattini sottolinea che l’interesse nazionale viene prima di tutto. Contraria ai governi tecnici resta anche l’Italia dei Valori, “Non voteremo la fiducia a Monti ne staremo fuori”.  Afferma Di Pietro. 

Articolo correlato: Berlusconi ingoia la pillola Monti

Ultimo aggiornamento 10  novembre 2011 ore 15,25






Tags:

Lascia una risposta