Grillo avanti con Rodotà

18 aprile 2013 16:300 commenti

beppe_grillo

Beppe Grillo è sicuro che Pd e Pdl sono al capolinea. Dopo la ‘fumata bianca’ della prima tornata per l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica, il leader del Movimento 5 Stelle ha scritto un post sul proprio blog, invitando Bersani e Berlusconi ad arrendersi e sostenendo con ancora più vigore la candidatura al Quirinale di Stefano Rodotà.

Al momento, Franco Marini è in pole, ma non ha raggiunto il quorum dopo il primo giro nell’urna. Un risultato che esorta Pd e Pdl ha raggiungere una nuova intesa. Per un nuovo nome. Caldeggiata, nuovamente, l’ipotesi Romano Prodi.


Tra l’incudine e il martello si inserisce sapientemente Beppe Grillo, che usa parole dure sul proprio blog: “Nessuno ha spiegato a Bersani che l’Italia è cambiata, che non vuole più accordi sottobanco con lo psiconano. La guerra è finita, arrendetevi. Liberateci per sempre dalla vostra presenza”.

Capranica

Poi, il paragone tra Bersani e Mussolini, che nel dicembre del 1944 tenne un discorso per ricompattare i resti di un partito ormai sfasciatosi: “Capranica è l’ultima raffica dell’inciucio”. La metafora viene spiegata così dallo stesso Grillo: “Gargamella (Bersani) ha inseguito i puffi presenti in sala per convincerli a votare l’ex democristiano Marini, candidato dal Pdl, invece di Rodotà, che sarebbe acclamato dagli italiani per plebiscito”.

Conclude Grillo nel suo intervento: “Marini rappresenta lo status quo, la garanzia di un governo Bersani ‘amico del giaguaro’ che vuole smacchiare lo psiconano con la lingua, la nomina di un ministro della Giustizia non ostile a Berlusconi e forse l’innalzamento di quest’ultimo a senatore a vita il prossimo anno”.






Tags:

Lascia una risposta